Global warming, quel 3% di studi che lo nega è sbagliato - RicreareNew

Vai ai contenuti

Menu principale:

Global warming, quel 3% di studi che lo nega è sbagliato

Articoli
 
Global warming, quel 3% di studi che lo nega è sbagliato
 
Oltre il 97% delle ricerche scientifiche afferma che i cambiamenti climatici esistono e che sono aggravati dalla mano dell'uomo. Quelle che restano? Piene di errori e non replicabili.
 
 
Naso lungo e gambe corte (ritratto di negazionista del riscaldamento globale).|Shutterstock
 
 
Su pochi temi scientifici esiste un consenso ampio come sul riscaldamento globale. La quasi totalità delle ricerche accademiche - il 97,1% - concorda sul fatto che il global warming è reale, che è un problema per il pianeta e che è in gran parte provocato dalle attività umane.
 
 
Quel 2,9% che avanza raccoglie materiale divenuto il baluardo dei negazionisti, che sostengono che le conclusioni che portano a un risultato contrario a ciò che affermano tutti gli altri sono state soppresse e ignorate dalla comunità scientifica, e per la loro causa scomodano niente meno che Galileo Galilei, che osò sfidare i dogmi cosmologici della sua epoca
Direttore Resp. Villa Maurizio
+393389878233
Torna ai contenuti | Torna al menu