I rifiuti mondiali - RicreareNew

Vai ai contenuti

Menu principale:

I rifiuti mondiali

Articoli
   

I rifiuti mondiali aumenteranno del 70% entro il 2050.
Nel 2016 abbiamo generato oltre 2,01 miliardi di tonnellate di rifiuti, ma con l'aumento della popolazione globale e l'urbanizzazione si prevede una produzione di 3.4 miliardi di tonnellate di rifiuti al 2050.
Senza un'azione urgente, entro il 2050 i rifiuti globali aumenteranno del 70 per cento rispetto ai livelli attuali, secondo il rapporto “What a Waste 2.0: Un'istantanea globale della gestione dei rifiuti solidi fino al 2050” della Banca Mondiale.
Spinta dalla rapida urbanizzazione e dalla crescita della popolazione, si prevede che la produzione mondiale annua di rifiuti salirà a 3,4 miliardi di tonnellate nei prossimi 30 anni, rispetto a 2,01 miliardi di tonnellate nel 2016, secondo il rapporto.
Sebbene rappresentino solo il 16% della popolazione mondiale, i paesi ad alto reddito messi insieme generano più di un terzo (34%) dei rifiuti mondiali.
L’Asia orientale e pacifica è responsabile della produzione di circa un quarto (23%) di tutti i rifiuti. E entro il 2050, si prevede che la produzione di rifiuti nell'Africa subsahariana superi il triplo dai livelli attuali, mentre l'Asia meridionale raddoppierà il proprio flusso di rifiuti.
Le materie plastiche sono particolarmente problematiche. Se non vengono raccolti e gestiti correttamente i rifiuti plastici contamineranno e ammaleranno i corsi d'acqua e gli ecosistemi per centinaia, se non migliaia, di anni. Nel 2016, il mondo ha generato 242 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, ovvero il 12% di tutti i rifiuti solidi, secondo il rapporto.
What a Waste 2.0 sottolinea che la gestione dei rifiuti solidi è fondamentale per città e comunità sostenibili, sane e inclusive, ma è spesso trascurata, in particolare nei paesi a basso reddito. Mentre oltre un terzo dei rifiuti nei paesi ad alto reddito viene recuperato attraverso il riciclaggio e il compostaggio, solo il 4% dei rifiuti nei paesi a basso reddito viene riciclato.
Sulla base del volume di rifiuti generati, della sua composizione e di come vengono gestiti i rifiuti, si stima che 1,6 miliardi di tonnellate equivalenti di biossido di carbonio siano stati generati dal trattamento e dallo smaltimento dei rifiuti nel 2016 - pari a circa il 5% del totale emissioni.
"La cattiva gestione dei rifiuti sta danneggiando la salute umana e gli ambienti locali mentre si aggiunge alla sfida climatica", ha dichiarato Laura Tuck, Vicepresidente per lo sviluppo sostenibile della Banca mondiale. "Sfortunatamente, è spesso la parte più povera della società ad essere influenzata negativamente da una gestione inadeguata dei rifiuti. Non dovrebbe essere così. Le nostre risorse devono essere utilizzate e quindi riutilizzate continuamente in modo che non finiscano nelle discariche ".
Il rapporto rileva che i sistemi di gestione dei rifiuti sono essenziali per costruire un'economia circolare, in cui i prodotti sono progettati e ottimizzati per il riutilizzo e il riciclaggio. Mentre i governi nazionali e locali adottano l'economia circolare, i modi intelligenti e sostenibili per gestire i rifiuti contribuiranno a promuovere una crescita economica efficiente riducendo al minimo l'impatto ambientale.
"È logico dal punto di vista economico gestire correttamente i rifiuti", ha dichiarato Silpa Kaza, specialista in sviluppo urbano della Banca mondiale e autrice principale del rapporto. "I rifiuti non raccolti e i rifiuti scarsamente smaltiti hanno significativi effetti sulla salute e sull'ambiente. Il costo per affrontare questi impatti è molte volte superiore al costo di sviluppo e gestione di sistemi di gestione dei rifiuti semplici e adeguati. Esistono soluzioni e possiamo aiutare i paesi a raggiungerlo. "
Sostenere i paesi in modo da rendere fondamentali i finanziamenti per la gestione dei rifiuti solidi, le politiche e le decisioni di pianificazione è lo scopo della Banca Mondiale che intende farlo attraverso queste soluzioni:
Fornire finanziamenti ai paesi più bisognosi, in particolare i paesi in più rapida crescita, per sviluppare sistemi di gestione dei rifiuti all'avanguardia.
Sostenere i principali paesi produttori di rifiuti per ridurre il consumo di plastica e rifiuti marini attraverso programmi completi di riduzione e riciclaggio dei rifiuti.
Riduzione degli sprechi alimentari attraverso l'educazione dei consumatori, la gestione dei prodotti biologici e programmi coordinati di gestione dei rifiuti alimentari.
Dal 2000, la Banca Mondiale ha impegnato oltre 4,7 miliardi di dollari in più di 340 programmi di gestione dei rifiuti solidi nei paesi di tutto il mondo.
Direttore Resp. Villa Maurizio
+393389878233
Torna ai contenuti | Torna al menu