L’energia eolica è una delle fonti energetiche sfruttate sin dagli antichi. - RicreareNew

Vai ai contenuti

Menu principale:

L’energia eolica è una delle fonti energetiche sfruttate sin dagli antichi.

Articoli

L’energia eolica è una delle fonti energetiche sfruttate sin dagli antichi.

È di per sé, l’energia cinetica del vento e la sua conversione in energia meccanica o elettrica. Sicuramente l’applicazione più antica è quella nautica, tramite l’uso della vela, quella nei mulini a vento, e oggi invece l’energia eolica è sfruttata per la produzione elettrica.

L’energia eolica è l’energia cinetica prodotta dall’aria in movimento e solitamente detta vento. Il vento è il movimento dell’aria sulla superficie terrestre, tra zone di alta pressione e bassa pressione. La superficie della Terra è riscaldata in modo non uniforme dal Sole, a seconda di fattori come l’angolo di incidenza dei suoi raggi sulla superficie (che differisce con la latitudine e l’ora del giorno) e del suolo (terreno chiaro o scuro, roccia, sabbia, fitta di vegetazione, acqua). Inoltre grandi masse d’acqua, come ad esempio gli oceani si riscaldano e si raffreddano più lentamente della terra. Le differenze di temperature quindi generano differenze di pressione. La presenza di due punti con differente pressione atmosferica origina una forza, detta “forza del gradiente di pressione”, che agisce premendo su una massa d’aria per tentare di ristabilire l’equilibrio e dunque dando luogo al fenomeno del vento. Inoltre la rotazione della Terra trascina l’atmosfera intorno ad essa causando movimento di grosse masse d’aria (Forza di Coriolis). Questi effetti naturalmente si combinano tra loro portando alla naturale variabilità dei venti. Difficilmente un aerogeneratore è “solo”: ci si riferisce dunque spesso a “parchi eolici” quando decine (a volte centinaia) di generatori vengono concentrati in una zona favorevole alla produzione di energia.
Esistono parchi eolici on-shore, near-shore ed off-shore.
I parchi eolici on-shore sono riferiti a parchi distanti almeno 10 km dal mare, solitamente in grandi pianure (come quelle della zona centrale degli stati uniti) favorevoli a correnti di
vento costanti e sostanziose). L’eolico near-shore comprende tutti gli impianti sulla costa, fino a 10 km di distanza. È caratterizzato dal tentativo di sfruttare i venti che provengono dal mare e si abbattono sulla costa con costanza durante l’arco dell’anno e hanno sufficienti velocità. Per quanto riguarda l’eolico off-shore invece si tratta solitamente di impianti più stabili, che forniscono più energia (poiché velocità e costanza del vento lontano dalla costa forniscono condizioni migliori alla conversione dell’energia) e possiede un minor impatto visivo, tuttavia i costi di realizzazione e manutenzione sono notevolmente più alti. Esistono anche impianti in dimensioni ridotte come piccoli impianti eolici on-shore, che possono fornire elettricità a luoghi isolati; oppure piccoli aerogeneratori domestici che sono in sviluppo e alcuni già in commercio, che possono essere installati sul tetto o a volte addirittura sul balcone, e che possono anche produrre energia in eccesso acquistabile dalle società elettriche.


Direttore Resp. Villa Maurizio
+393389878233
Torna ai contenuti | Torna al menu